Smart Working lavori più richiesti

Siamo quasi al termine di questo 2021 che sulla scia dello scorso anno ha avuto una sola ed unica protagonista: la pandemia. La pandemia non ha portato con sé soltanto contro e svantaggi, è stato infatti un periodo in cui tante persone hanno avuto modo di riflettere su loro stessi ed altri che hanno avuto la fortuna di reinventarsi professionalmente parlando.

Il processo di digitalizzazione già in atto in Italia da qualche tempo è stato velocizzato ulteriormente dalla pandemia, sono in tante le persone che hanno portato avanti il proprio lavoro in smart working (lavoro da remoto).

Ad un anno e mezzo di distanza, ora che il ritorno ad una vita “normale” sembra più vicino che mai, alcune abitudini non sono cambiate.

Con questo sono nate anche tante nuove figure professionali che analizzeremo al meglio in quest’articolo.

Smart Working cos’è

Lo smart working o lavoro intelligente è una metodologia di lavoro nata negli ultimi mesi che si basa su un concetto fondamentale:

L’uso della tecnologia per lavorare in un qualsiasi contesto ambientale, da casa, dal parco, da una stazione. Ovunque voi siate avrete la possibilità di lavorare. Lo smart working segna quindi un enorme allontanamento dal classico concetto di lavoro, dove ci si reca in un ufficio e si ha la propria postazione da lavoro.

Lo smart working al contrario di ciò che si pensa non è soltanto “lavorare comodamente da casa”, ma simboleggia l’innovazione, la nascita di nuove professioni e lo svecchiamento di altre da tempo legate al tradizionale modo di intendere il lavoro.

I vantaggi e gli svantaggi del lavoro da casa

Il lavoro da casa porta con vantaggi e svantaggi ai dipendenti e ai datori di lavoro.

Lo smart working fa sì che il dipendente si senta più libero, portando così ad un aumento della sua motivazione in termini di mole di lavoro e di interesse verso l’azienda. Altri vantaggi sono i costi ridotti e il maggior tempo a disposizione dati dal non spostarsi da casa al posto di lavoro.

Se da un lato ci sono diversi vantaggi per il dipendente e l’azienda, dall’altro ci possono essere dei rischi dati dal mischiare il lavoro con la propria vita privata, se il lavoro da casa non è ben strutturato va a diminuire la produttività dei dipendenti e infine c’è il rischio di isolarsi troppo da quello che è il proprio team di lavoro non formando quindi il gruppo aziendale.

I vantaggi e i benefici dati dal lavoro in smart working stanno facendo propendere tutte le offerte lavorative verso questa metodologia di lavoro, mettendo in secondo piano i rischi e gli svantaggi che può comportare.

Le professioni più richieste per lo Smart Working

Vien da sé pensare che non tutti i lavori possano essere svolti da remoto, da casa o da qualsiasi luogo in cui vi troviate. Questo è vero, ma esistono tantissime professioni “tradizionali” adattatesi per permettere a qualsiasi professionista di lavorare.

Rappresentanti di vendita, assistenti virtuali, agenti assicurativi, assistenti amministrativi, ragionieri contabile…. Tutte professioni ritenute “tradizionali” e d’ufficio, se non da porta a porta, ma che adesso danno il meglio di loro anche con lo smart working.

Ricordando il motto di questo tipo di professione “work smart, not hard”, passiamo a quelle che sono le professioni più richieste in Italia per il lavoro da remoto:

Social Media Manager

Il social media manager può essere visto come quel professionista che si occupa della gestione dei social aziendali. Questo professionista opera quindi nel digital marketing e per farlo non è necessaria la sua presenza fisica in un ufficio, ma il suo apporto lo si nota sui social. Campagne pubblicitarie per promozioni e lancio di prodotti ben strutturate e un community management ben assestato per permettere all’azienda di accrescere la propria reputazione, fanno di questo manager una delle figure più richieste nel panorama italiano.

Copywriter (o Ghostwriter)

Il copywriter è uno dei mestieri che fin dalla sua nascita ha permesso a migliaia di persone di lavorare da casa per la scrittura di testi giornalistici. Le cose non sembrano essere cambiate, anzi, le tecniche SEO (Search Engine Optimization) imparate nel tempo lo hanno reso indispensabile al fine di rendere un determinato sito o pagina web ben posizionata sui motori di ricerca per essere visionata da terzi. Come intuibile dalla descrizione del lavoro, anche il seo copywriting è una delle attività nate dal digital marketing negli ultimi anni.

Programmatore Informatico

Da sempre sulla cresta dell’onda delle ricerche per trovare lavoro e delle proposte delle aziende troviamo il programmatore informatico e la programmazione in genere. Il programmatore viene spesso visto come un lupo solitario, per l’appunto, adatto al lavorare da solo a dei progetti.

La pandemia gli ha solo che giovato permettendogli finalmente di lavorare negli orari che più preferisce non dovendosi recare in ufficio. Ancor più delle professioni citate il rischio di distrarsi può essere molto alto, non è infatti adatto a tutti i programmatori, spesso abitudinari, lavorare in questa modalità.

Web Developer (Sviluppatore Web)

Dovendo parlare di settori in forte crescita non facciamo fatica a darvi la prima posizione esistente: lo sviluppo web. È diventato indispensabile farsi conoscere sul web, così come sui social, è quindi emersa la necessità di avere nel proprio organico delle figure che sapessero creare e gestire un sito web. Allo stesso modo del programmatore informatico, lo sviluppatore web dà il meglio di sé lavorando da casa, con le proprie tempistiche seguendo i dettami aziendali.

Web Designer

Ultima professione di questo articolo è il web designer. Il grafico del web è una figura nata solo di recente operante nell’ambito dello sviluppo web per la creazione grafica del sito. Dalla bozza su carta fino alla visione di un bel sito (lato client), il tutto è gestito da questa figura. Avendo il compito di concentrarsi sull’eventuale visitatore finale del sito, non necessita di un lavoro d’ufficio, ma solo di attente analisi del mercato in cui si dovrà muovere prima di iniziare a lavorare.