Cosa fa Corona Renderer?

Corso Corona RenderCorona Renderer è un motore di rendering fotografico che viene utilizzato come plug-in sia su 3D Studio Max che su Cinema 4D. Il software consente di realizzare rappresentazioni grafiche molto realistiche partendo da modelli o progetti già realizzati. Grazie all’uso professionale di materiali e luci, consente un rendering che si confonde facilmente con una fotografia.

Obiettivi del Corso Corona Renderer

L’obiettivo del corso Corona Renderer, è quello di insegnare all’allievo tutte le tecniche e le competenze per poter realizzare un rendering di alta qualità. Lo studio delle innumerevoli funzione ed impostazioni consentirà la creazione di immagini fotorealistiche.

Certificazioni

Il corso Corona Renderer, al termine della formazione completata con profitto, rilascia un attestato numerato e personale, tracciabile attraverso il sito Web con certificazione ente ISO 9001:2015 EA37 per la formazione professionale valida in tutta Europa.

RICHIEDI GRATUITAMENTE MAGGIORI INFORMAZIONI SUL Corso Corona Renderer

Scopri la data del prossimo Corso Corona Renderer, il costo del corso e le modalità di svolgimento… compila i campi di seguito

Modalità di erogazione

Le nostre modalità di erogazione del Corso Corona Renderer

Richiedi informazioni

Contattaci gratuitamente tramite WhatsApp, Telegram, telefonicamente o mezzo e-mail per avere maggiori informazioni sul Corso Corona Renderer

Descrizione del Corso Corona Renderer

Il corso Corona Renderer si basa sullo sviluppo di casistiche reali. C’è da considerare che il progetto da realizzare può contenere molte variabili. Ad esempio, può essere un singolo oggetto (oggi questi rendering si usano già sulle piattaforme di commercio elettronico, vedi lo sviluppo di Amazon), ma anche una progettazione d’insieme (ad esempio rendering architettonici). Ma un progetto può essere di un arredo interno, che sfrutta luce artificiale o un esterno, dove invece bisogna ottimizzare la luce naturale. Ma anche il materiale di cui è fatto un oggetto può avere mille declinazioni, basti pensare solo ai tanti tipi di acciai che ci sono: inox, specchio, opaco, bucciardato ecc… Il corso Corona Renderer punta a calibrare bene tutte le opzioni affinché la realtà virtuale si sovrapponga perfettamente ad un immagine reale

DETTAGLI SUL Corso Corona Renderer

Requisiti

Per partecipare al corso Corona Renderer è necessario conoscere 3D Studio Max o Cinema 4D. Ogni partecipante deve dotarsi di computer con software installato, MAC si solleva da qualsiasi responsabilità dall’utilizzo da parte dei partecipanti di software non licenziati.

Sbocchi lavorativi

Il programma Corona Renderer è utilizzato, come detto, con 3D Studio Max o Cinema 4D quindi spesso utilizzato nel mondo dell’architettura o del design in genere. È una competenza richiesta a chi vuole lavorare come graphic Designer.

Richiedi informazioni anche su WhatsApp
Lezione di Prova Gratuita

Programma del Corso Corona Renderer

  • Introduzione alla creazione di immagini realistiche con Corona. Integrazione dei comandi rapidi di Corona nell’interfaccia 3ds Max. Luce solare e controllo de i suoi parametri: Intensità, temperatura colore, ombre, inclinazione, ecc.
  • Creazione di set fotografici virtuali per scene d’esterni e d’interni, con luce naturale e artificiale.
  • Set fotografici con limbo e luci per la presentazione professionale di prodotti in ambienti neutri.
  • Creazione di materiali fisicamente corretti, quali legno (Noce,ecc.), pietre e marmi (compresa Ardesia, Ceramica ecc.), agglomerati (compresi Okite, Corian, ecc.), plastica, gomma,acciaio e leghe leggere (compresi Alluminio,Bronzo, Acciao, Inox).
  • Creazione di materiali più sofisticati e derivazioni da materiali standard: vetro, vetro lucido.
  • Creazione di materiali per tessuti di arredamento.
  • Materiali di finitura delle superfici edili (Resine per pavimenti, superfici glitterate, carte da parati, Piastrelle, Stucchi, Cementi, ecc.).
  • Analisi delle caratteristiche delle diverse sorgenti luminose ed esempi applicativi, per la creazione di scenari alternativi del sistema di illuminazione.
  • Tecniche di illuminazione realistica tramite immagine di sfondo a 360°, (Attraverso l’uso sapiente di immagini HDRI).
  • Tecniche di mappatura dei materiali sugli oggetti, evitando ripetizione e distorsioni (UVW Map).
  • Utilizzo, gestione e modifica della Material Library per automatizzare la produzione dei render (Material Library).
  • Creazione di materiali più sofisticati con l’utilizzo di texture specifiche, in modo da ricreare effetti quali rifrazione, rilievo, imperfezione nella superficie, ecc.
  • Creazione di paesaggi con manti erbosi, fiori, alberi e rocce e altri oggetti distribuiti sulla scena (Corona Scatter).
  • Impostazioni di luci e sfondo per illuminare una scena notturna, con l’utilizzo aggiuntivo di luci artificiali di colore variabile.
  • Esempi ed esercizi di illuminazione attraverso sorgenti luminose con curve fotometriche, per simulare i fasci di luce di qualunque produttore (curve IES). Utilizzo di luci a incandescenza, a fluorescenza, a LED, ecc.
  • Analisi completa dei parametri di render da utilizzare nelle diverse situazioni, per velocizzare i tempi di calcolo.
  • Metodologia e flussi di lavoro ottimizzati per raggiungere il fotorealismo nelle immagini.
  • Lighting Design con controllo di colore, esposizione, sfocatura, contrasto e saturazione di ogni singola sorgente luminosa (Corona Frame Buffer e Light Mix).
  • Gestione dei livelli nelle immagini (canale alpha, riflessioni, rifrazioni, ecc.) e applicazione di sfondi personalizzati.
  • Fotoinserimenti in fotografie esistenti tramite allineamento della prospettiva e creazione di ombre integrate nel risultato finale.
  • Controllo del risultato finale e ultimi ritocchi in Photoshop per aggiungere ulteriori dettagli.
  • Utilizzo del render distribuito su un grappolo di workstation grafiche per il massimo delle prestazioni.
  • Gestione delle impostazioni per ottimizzare le prestazioni e la qualità. Gestione delle impostazioni per il render di animazioni (Corona Denoising).